lunedì 28 gennaio 2013

Non dire le bugie

Ho sempre pensato che la favola di Pinocchio fosse un pò la metafora della vita...
Geppetto che costruisce da sè un figlio... lo fa come lui sogna... assomiglia ad un bimbo perfetto... inizialmente obbediente, buono e sopratutto onesto!
Nel corso della vita però si sà s'incontrano tanti gatti e sopratutto tanti lupi.. ma anche e forse troppi grilli parlanti che vorrebbero farci la morale su tutto!
Ci si può smarrire dietro alle promesse e alle illusioni , si può cadere in errore, mentire, credere in false amicizie... ma se il nostro animo è puro si trova sempre la strada del ritorno... che ci trasforma da BURATTINI IN PERSONE VERE!
 
 
 
 
Da piccola credo di aver detto pochissime bugie... anche perchè mi si "beccava" subito, crescendo nell'adolescenza ne ho detta qualcuna di troppo, ma finivo sempre per confessare perchè sai ..tenersele tutte per se che fatica !
Ed ora? Ora ehmehm a volte qualche piccola bugia scappa... perchè a volte serve
... insomma come si dice.. una piccola bugia a fin di bene
 e poi ho scoperto che mi piace ogni tanto avere qualche segreto tutto per me !
 

 
Credo che importante sia essere coerenti con se stessi sempre!
Infine ho anche scoperto che non tutti amano la verità , sentirsi dire le cose in faccia ,
specialmente se non sono piacevoli, forse neanche io ...
Beh ora la ricettina delle MIE BUGIE

 

500 gr di farina, 30 gr di burro, 50 gr di zucchero, 3 uova, scorza di limone grattugiata, pizzico di sale, 25 ml di grappa ,olio per friggere , zucchero a velo

Sulla spianatoia disponete la farina  versate lo zucchero, il burro ammorbidito, le uova, la scorza di limone grattugiata e il sale. Impastate gli ingredienti  amalgamandoli grossolanamente tra loro, incorporate mano a mano la farina, e infine la grappa
Lavorate fino ad ottenere una pasta liscia e omogenea,
Lasciate riposare in frigorifero per almeno una mezzoretta!
Stendete l'impasto , io uso la nonnapapara ( fortunatamente elettrica)
Ricavate dei rettangoli di circa 5cm ×10cm
Friggete le vostre bugie nell'olio a circa 180 gradi  immergendo poche strisce alla volta, quando saranno ben  dorate toglietele dall'olio con una schiumarola e mettetele su di uno strato di carta assorbente!
Beh cospargetele di zucchero a velo e il gioco è fatto!
 

2 commenti:

  1. ah che voglia di bugie... quelle fritte ovviamente! Subito mi faanno volare con il ricordo a quelle che preparava la mia nonnina e mi diceva sempre di metterci un goccio di aceto nell'impasto per farle diventare più leggere...
    Grazie per avermi fatto ricordare questo..
    Bentrovata
    Mug

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frittissime lì è il bello e il buono!!! Grazie per l'ottimo consiglio ... proverò con l'aceto !Poi i consigli delle nonne sono i migliori , abbiamo la fortuna di avere tutti o una nonna o una zia brave in cucina! Che meraviglia! Grazie Barbara!
      Mi scordavo... dalle foto viste hai un viso veramente bello, pulito, dolce!!
      Benvenuta a te!
      Ele

      Elimina

Lasciate un commento a me fa piacere leggerli