sabato 14 gennaio 2012

Bambini e fornelli

Tratto dalla Stampa di oggi!!!

"In cucina ho scoperto
che mio papà è un mago"



 





L’esempio Jamie Olivier, cuoco e star inglese, bella famiglia con tre bimbe e un maschietto, ha dichiarato che li porterà in cucina a lavorare già a dieci anni.




Libri e programmi tv assicurano: ai fornelli i bambini
crescono meglio

""ROSELINA SALEMI
milano
La cucina è ciò che più si avvicina alla magia: liquidi che diventano solidi e viceversa, colori che cambiano, sostanze che si trasformano, profumi celestiali... Altro che apprendisti stregoni! Con la guida di un Mago Merlino come papà, che invece di un cappello a cono magari indossa una bandana a pois come la mia, ci si diverte un sacco. Quando era piccola, Mati amava mescolare gli ingredienti per la pastella come se si trattasse di una pozione magica. E se c’era qualche amichetta da coinvolgere, per fare un piccolo gruppo di “streghette” dai superpoteri misteriosi, era ancora più divertente».

Mati è Matilde, 14 anni, e il cuoco magico è Moreno Cedroni, due stelle Michelin a Senigallia con la Madonnina del Pescatore, l’uomo del susci senza «h», ora autore di «Maionese di fragole, l’arte di divertirsi in cucina con i propri figli» (Mondadori): http://www.paperback.it/blog/2011/11/11/maionese-di-fragole/ non la solita autobiografia o il solito libro di ricette, ma il manifesto di una nuova educazione alla vita: passa tutto dalla cucina. La creatività, la pazienza, il buon gusto.






Il papà di Gwyneth Paltrow è stato un precursore. Mentre tentava di far carriera in televisione, cucinava, e lei lo racconta con affetto: «Era un artista dei pancake, guardavamo insieme, abbracciati, i programmi di cucina alla tv. Riesco ancora a sentirlo dietro di me, che mi interrompe in continuazione e mi dice di stare attenta con il coltello».





Tutto questo è finito nel curioso «Appunti dalla mia cucina» (pubblicato in Italia da Salani). Tutto questo ci porta al successo del reality «Tesoro salviamo i ragazzi», con Marco Bianchi, guida spirituale e materiale dei bimbi soprappeso nella crociata contro il cibo-spazzatura.

Il tradizionale regno femminile, di fuochi e fiamme, di sortilegi e seduzioni alla Isabel Allende («Afrodita») diventa il luogo della paternità, con scambio di esperienze, conoscenza e gioco. Gli chef danno l’esempio. Jamie Olivier, cuoco e star, bella famiglia con tre bimbe e un maschietto, annuncia che li porterà in cucina a lavorare già a dieci anni. Come nel furbissimo spot Barilla che ha intercettato la tendenza, «A mangiar bene di comincia da piccolini». Piccolini è il nome della minipasta con le verdure: spinaci, carote e zucca ci sono, ma non si vedono.

Altra magia. Nel frattempo, in casa del Gambero Rosso, mensile per gourmet, è nato e cresciuto, anche in versione televisiva, il Gamberetto. Lì ha debuttato il figlio di Igles Corelli, chef della Locanda della Tamerice a Ostellato, famosa per le anguille: l’adolescente Alberto assiste il papà con passione. Carlo Cracco, due stelle Michelin e due figlie, ha una foto tenerissima con Sveva e Irene che affettano zucchine e carote. Se gli chiedi quand’è che i ragazzini possono cominciare a cucinare, risponde: «Quando ne hanno voglia. Farli pasticciare con gli ingredienti non è assolutamente sbagliato. Lasciategli sporcare le mani...».

Lasciateli assaggiare. «Sento dire spesso che i bambini sono abitudinari e vogliono mangiare solo quello che già conoscono. Non è affatto vero obietta Moreno Cedroni -. Casomai sono i genitori a essere fin troppo tradizionalisti e timorosi quando si tratta dei gusti dei bambini. Perché dare per scontato che vadano pazzi solo per la pasta al pomodoro e la cotoletta con le patatine fritte? Almeno ogni tanto, osate qualcosa di diverso e più creativo. Sono sicuro che resterete piacevolmente sorpresi. Quando Mati aveva tre anni, le abbiamo fatto provare il caviale con la burrata. Quanto le è piaciuto! Poi non faceva che chiederci: “Voglio le palline nere!”. Spiegarle che quelle palline non erano cibo di tutti i giorni non è stato semplice»."""





Quest'articolo mi ha colpito particolarmente, per due motivi importanti!

Il primo è che il mio lavoro principale è cucinare... insomma sono una cuoca e ho un ristorante! E' un lavoro che amo, mi appassiona e grazie ad esso posso esprimere parte della mia creatività. Inoltre essendo anche la proprietaria posso permettermi il lusso ogni tanto di uscire fuori dai binari organizzando corsi di cucina particolari, degustazioni , incontri .... certo i sacrifici non mancano ..ma sono anche tante le soddisfazioni!
Il secondo motivo è legato al fatto che forse si sarà capito ..aspetto un bambino!
Trovo che sia meraviglioso poter condividere parte del mio lavoro con mio figlio...già me lo vedo ... seduto sul banco di marmo tutto infarinato che gioca con me a preparare dolci..gnocchi.. pasticci!!!
Ho evidenziato i titoli dei duelibri citati dall'autrice dell'articolo, spero di trovarli ..non mi dispiacerebbe leggerli!!!
Intanto vi lascio alcune immagini di un corso fatto con delle bambine carinissime...insieme abbiamo pasticciato..cantato ballato... ah che bella la vita quando ti consente di divertirti così...








This article struck me particularly, for two important reasons!

The first is that my main job is to cook ... In short I am a cook and a restaurant! It 'a job I love, I am passionate and thanks to it I can express my creative side. Furthermore, being also the owner can afford the luxury to go out every now and then off the rails by organizing special cooking classes, tastings, meetings .... certain sacrifices there .. but the rewards are many!

The second reason is related to the fact that maybe you will understand .. expecting a baby!

I think it's wonderful to share some of my work with my son ... I can see it already ... seated on the marble counter floured playing around with me to prepare dumplings .. sweet .. pies!

I highlighted titles duelibri cited by the author of the article, I hope to find them .. I would not mind reading!

Meanwhile I leave you some pictures done with a course of cute girls ... together we sang danced ... .. messed up Oh what a beautiful life when you can have fun like this ...

Nessun commento:

Posta un commento

Lasciate un commento a me fa piacere leggerli